Sulle diossine fuori norma trovate a Scarlino

Comunicato stampa sulla presenza di diossine fuori norma a Scarlino.

Il superamento delle concentrazioni di diossine registrato in questi giorni a Scarlino non ci sorprende. Infatti, avevamo segnalato la presenza fuori norma di questi inquinanti alla Amministrazione provinciale e agli organi di controllo. Questi pero’ hanno fatto finta di non capire e hanno addebitato il superamento dei limiti di legge, gia’ registrato da Arpat nel maggio 2011 per le diossine e furani scaricati in mare da Scarlino Energia, alle -precedenti attivitita’-€ realizzate in zona. Non potendo questa volta risalire agli Etruschi, gli Enti locali avevano allora dato la colpa alle piu’ recenti attivita’ industriali del secolo scorso.
Questa giustificazione si dimostra una scelta di comodo, sicuramente priva di documentazione valida, scientifica e tecnica, poiche’ non e’ stata mai autorizzata o risulta esercitata nell’area industriale di Scarlino una attivita’ che potesse bruciare ad alte temperature le sostanze organiche contenenti Cloro, condizioni necessarie per la produzione di quella famiglia di diossine, indicatrice della combustione dei rifiuti urbani, trovata nel canale di ritorno al mare.

Ha scritto a proposito di quelle diossine, gia’ registrate fuori norma a Scarlino, il prof. Paolo Rabitti, noto in tutta Italia per il suoi contributi preziosi alla Magistratura che ha potuto condannare i responsabili di danni alla salute da Porto Marghera a Brindisi, da Napoli a Mantova…, incaricato dalla Giunta del Comune di Follonica di presentare opposizioni alle autorizzazioni della Provincia: -…Quanto sopra ci permette affermare che il supero degli standard di qualita’ e dei limiti fissati per i terreni dal citato Dlgs 152/06 per la concentrazione di diossine e furani che si riscontra immediatamente a valle dello scarico dell’impianto di trattamento acque dell’inceneritore, e` dovuto alla nuova attivita’ di incenerimento di combustibile derivato dai rifiuti urbani che quindi provoca sicuramente un danno all’ambiente.-
Il Consiglio di Stato su tale questione ha poi dato ragione al prof. Rabitti e ha respinto le asserzioni dell’ARPAT, della Provincia e di Scarlino Energia nel precedente Ricorso amministrativo da noi vinto.
Quelle argomentazioni del prof. Rabitti le abbiamo ripresentate nel nuovo Ricorso e nelle Osservazioni contrarie al rilascio della ennesima autorizzazione, che la Provincia di Grosseto ha voluto dare all’esercizio di quegli impianti rimasti sostanzialmente invariati. Nonostante le concordi Sentenze sia del TAR Toscano, sia del Consiglio di Stato, la Provincia di Grosseto ha riformulato nuove autorizzazioni in totale disprezzo delle Sentenze dei Tribunali italiani. Oggi la Provincia, anziche’ rallegrarsi per l’efficienza di Scarlino Energia, dovrebbe chiedere agli imprenditori agricoli e agli operatori turistici se le sue scelte, giudicate illegittime dai Tribunali, sono un contributo positivo alla promozione economica del Golfo di Follonica e dovrebbe chiedere scusa a tutti per la scarsa tutela della salute dei cittadini.

Roberto Barocci
Forum Ambientalista Grosseto

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: